Aforismi di Giacomo Leopardi

citazioni, frasi, massime, pensieri, riflessioni

[ARCHIVIO AFORISMI]

 

Il più solido piacere di questa vita è il piacer vano delle illusioni.

(Giacomo Leopardi)

 

L'abuso e la disubbidienza alla legge, non può essere impedita da nessuna legge.

(Giacomo Leopardi)

 

L'insegnare non è quasi altro che assuefare.

(Giacomo Leopardi)

 

Il mezzo più efficace di ottener fama è quello di far creder al mondo di esser già famoso.

(Giacomo Leopardi)

 

È curioso a vedere che gli uomini di molto merito hanno sempre le maniere semplici, e che sempre le maniere semplici sono prese per indizio di poco merito.

(Giacomo Leopardi)

 

La morte non è male: perché libera l'uomo da tutti i mali, e insieme coi beni gli toglie i desideri. La vecchiezza è male sommo: perché priva l'uomo di tutti i piaceri, lasciandogliene gli appetiti; e porta seco tutti i dolori. Nondimeno gli uomini temono la morte, e desiderano la vecchiezza.

(Giacomo Leopardi)

 

Nessun maggior segno d'essere poco filosofo e poco savio, che volere savia e filosofica tutta la vita.

(Giacomo Leopardi)

 

L'uomo onesto, coll'andar degli anni, facilmente diviene insensibile alla lode e all'onore, ma non mai, credo, al biasimo né al disprezzo.

(Giacomo Leopardi)

 

I fanciulli trovano il tutto anche nel niente, gli uomini il niente nel tutto.

(Giacomo Leopardi)

 

Anche i più vecchi hanno disegni e speranze di migliorar condizione in qualche maniera.

(Giacomo Leopardi)

 

Autore e webmaster Gabriele Martufi - Ultimo aggiornamento 14/11/2016
Si ringraziano tutti i visitatori dal 16/7/2001:


click tracking

Tutti i diritti riservati - All rights reserved