Aforismi di Manlio Sgalambro

citazioni, frasi, massime, pensieri, riflessioni

[ARCHIVIO AFORISMI]

 

Non si può essere reazionari perché non c'è dove tornare; non si può essere progressisti, perché non c'è dove andare.

(Manlio Sgalambro)

 

Che io debba essere governato: ecco da dove inizia lo scandalo della politica.

(Manlio Sgalambro)

 

I più alti spiriti, se così dobbiamo chiamarli, sono stati misantropi e misologi.

(Manlio Sgalambro)

 

Si perdonano coloro che ci hanno offeso perché così il conto torna: un'offesa ciascuno. Ma quest'ultima è mortale.

(Manlio Sgalambro)

 

Il misantropo è sicuro di non avere nulla da spartire col prossimo, salvo l'odio.

(Manlio Sgalambro)

 

L'aforisma è l'uso pessimistico della scrittura che manda in pezzi l'ethos oratorio.

(Manlio Sgalambro)

 

Modestia. La modestia è la vile riuscita di chi si annulla ma solo un pochino e proprio così si mette in risalto.

(Manlio Sgalambro)

 

Il discorso pessimistico appartiene al genere oratorio, e questo perché presuppone un uditorio che può gridare e agitarsi.

(Manlio Sgalambro)

 

Che non ci sia niente di peggiore del mondo, non si deve dimostrare.

(Manlio Sgalambro)

 

C'è una barriera che impedisce a ogni uomo di essere felice per sempre: naturalmente è Dio.

(Manlio Sgalambro)

 

Autore e webmaster Gabriele Martufi - Ultimo aggiornamento 16/11/2016
Si ringraziano tutti i visitatori dal 16/7/2001:


click tracking

Tutti i diritti riservati - All rights reserved